martedì 26 agosto 2014

Il corpo del reato

Una piacevole ossessione che dura da quasi un anno.
Un impietoso manifesto di provincia condensato in 6 minuti di canzone.
E, ogni volta, un pugno nello stomaco.

Prima o poi smetterò di ascoltarla almeno una volta al giorno.



Nessun commento: