lunedì 14 febbraio 2011

ACME giovanile


Quanti di noi, da bambini, rimanevano affascinati e divertiti dalla versatilità produttiva del Laboratorio ACME, il cui onnipresente marchio campeggiava su quasi tutti i marchingegni utilizzati da Wile E Coyote e altri personaggi della Warner Bros?
In molti ci chiedevamo se quello fosse il cognome dell'immaginario magnate industriale o se fosse solo qualche citazione o gioco di parole a noi ignoto. O entrambe le cose, perchè no.
Ebbene, anni dopo ho scoperto che ACME era semplicemente l'acronimo della dicitura "A Company Making Everything". Un payoff più che azzeccato, per una ditta del genere.

Il tuffo nostalgico da Looney Tunes mi è stato indotto dalla scoperta di uno speciale librone in vendita da pochi giorni in librerie e fumetterie. Il catalogo ACME, edito da Panini Comics.
Uno di quegli acquisti cartacei capace di riempirti di entusiasmo infantile e adulto senso di colpa nelle stesse quantità.
Beh, che dire allora: magari fatevelo regalare.
Io per ora lo osservo da lontano, con diverita circospezione.
Chissà che, sfogliandolo, non trovi qualche simpatico articolo da regalare ad amici e parenti sgraditi...

4 commenti:

Giustina ha detto...

dovrebbe essere un catologo acquisti, tipo postalmarket. poi vedevi quanto vendeva! ;)

Queto_Daemone ha detto...

Oh mamma.. Mi hai risolto un dubbio d'infanzia

Giangidoe ha detto...

@ Giustina:
Toh! Postalmarket e Vestro. Da quanto tempo che non ci pensavo... Chissà come mai ad un certo punto sono spariti.

@ Queto:
Felice di esserti stato di aiuto. E grazie per la visita!

Giustina ha detto...

secondo me qualche genio ha librerie billy piene di cataloghi degli anni 80.