mercoledì 24 dicembre 2008

Il Natale è uno stato mentale


E quest'anno, lo stato di quello stato non è mai stato così frustrato (si, mi piace giocare con la lingua anche col pandoro nelle arterie).
Diciamo solo che il mio equivalente personale della messa natalizia di mezzanotte, in questo periodo, può essere sintetizzato dagli intensissimi tre minuti del video che posto più giù.
Credo non si possa negargli una dimensione spirituale e suggestiva intensissima.
E per chi ha visto ed amato la metafisicità del film di riferimento, non è affatto fuori luogo ammettere anche l'aggettivo "spirituale".
Vedere per credere:



Bene,
anche se in modo del tutto particolare, era un modo come un altro per augurare a tutti
BUON NATALE!

7 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Buon Natale Giangidoe e Buon Natale anche a chi è solo.

Daniele

flo ha detto...

Di nuovo auguri Giangidoe ;)

Anonimo ha detto...

Ma come devo fare con te?
Riconosco,ai tre minuti, lo spirito di cui parli,sai anche che ho amato quel film,una delle cose più belle viste insieme,ma credimi, meglio un "jingle bell"(si scrive cosi,vero!?)in questo periodo.
Always in my heart,brother!
micky

Giangidoe ha detto...

Auguri a tutti, e grazie!

@ Michy:
Beh, ma questo contraddirebbe lo spirito del post...
E poi, davvero, quella sequenza è così intensa e bella che se non la si propone a Natale poi non lo si fa più.

Chit ha detto...

Visto che le feste sono (per fortuna) passate, tanti auguri di... buon weekend ;-)

Un abbraccio

Giangidoe ha detto...

Grazie Chit ;)

alex crippa ha detto...

splendido.

buon natale e buon anno in rigoroso ritardo!